25 gennaio 2022

Mercoledì 26 Gennaio 2022 nella liturgia



Festa  di San Policarpo Vescovo e Martire, Doppio minore, colore liturgico rosso.

I Vespri si dividono e a partire dal Capitolo sono di San Giovanni Crisostomo Vescovo, Confessore e Dottore della Chiesa, Doppio minore, colore liturgico bianco. Commemorazione di San Policarpo.


Qui per le peculiarità del Tempo dopo l'Epifania:

https://loquerequaedecentsanamdoctrinam.blogspot.com/2021/01/dispensa-di-liturgia-sul-tempo-dopo.html


Al Breviario

All'Ufficio di San Policarpo:

Antifone e Salmi dal Salterio (3 Notturni a Mattutino, I Schema a Lodi), il resto dal Comune di un Martire. Letture del I Notturno dal Proprio del Tempo al Mercoledì nella III Settimana dopo l'Epifania, Letture del II Notturno e Orazione dal Proprio dei Santi al 26 Gennaio, Letture del III Notturno dal Comune.

Le Antifone si raddoppiano, il Suffragio e le Preci si omettono.

All'Ufficio di San Giovanni Crisostomo:

A partire dal Capitolo dei Vespri si prende il Comune di un Confessore Pontefice; Antifona al Magnificat, Orazione e commemorazione dal Proprio dei Santi al 27 Gennaio.

La conclusione della prima strofa dell'Inno Iste Confessor a Vespri è <<meruit supremos laudis honores>>. L'Antifona al Magnificat si raddoppia, il Suffragio e le Preci si omettono.

  

Nota per coloro che recitano per devozione il Breviario anteriore alle disastrose riforme del 1911 (chi ha l'obbligo dell'Ufficio purtroppo non soddisfa a tale obbligo se non usa il Breviario riformato dalla Costituzione Apostolica Divino Afflatu, almeno tale è stata la volontà di San Pio X espressamente manifestata nella detta Costituzione):

Festa  di San Policarpo Vescovo e Martire, Doppio minore, colore liturgico rosso.

I Vespri si dividono e a partire dal Capitolo sono di San Giovanni Crisostomo Vescovo, Confessore e Dottore della Chiesa, Doppio minore, colore liturgico bianco. Commemorazione di San Policarpo.


All'Ufficio di San Policarpo:

Tutto dal Comune di un Martiri con i Salmi riportati a Mattutino, quelli domenicali a Lodi (a Prima come alle Feste) e quelli indicati ai Vespri. Letture del I Notturno dal Proprio del Tempo al Mercoledì nella III Settimana dopo l'Epifania, Letture del II Notturno e Orazione dal Proprio dei Santi (al 26 Gennaio), Letture del III Notturno dal Comune.

Le Antifone si raddoppiano, le Commemorazioni Comuni e le Preci si omettono.

All'Ufficio di San Giovanni Crisostomo:

Capitolo, Inno e Versetto dal Comune di un Confessore Pontefice, Antifona al Magnificat dal Comune dei Dottori, Orazione e commemorazione dal Proprio dei Santi (al 27 Gennaio).

La conclusione della prima strofa dell'Inno Iste Confessor a Vesèro è <<meruit supremos laudis honores>>; se si usa la versione tradizionale dell'Inno, anteriore alle alterazioni apportate da Urbano VIII, è <<hac die laetus meruit supremos laudis honores>>. L'Antifona al Magnificat si raddoppia, le Commemorazioni Comuni e le Preci si omettono.


Al Messale

Messa al 26 Gennaio:

  • Gloria
  • Orazione unica della Messa
  • Prefazio Comune
  • Ite Missa est
  • Prologo di San Giovanni


Letture del Mattutino

AD I NOCTURNUM

Lectio 1

Incipit Epístola beáti Pauli Apóstoli ad Ephésios

Eph 1:1-4

Paulus Apóstolus Iesu Christi per voluntátem Dei, ómnibus sanctis qui sunt Ephesi, et fidélibus in Christo Iesu. Grátia vobis, et pax a Deo Patre nostro, et Dómino Iesu Christo. Benedíctus Deus et Pater Dómini nostri Iesu Christi, qui benedíxit nos in omni benedictióne spirituáli in cæléstibus in Christo, sicut elégit nos in ipso ante mundi constitutiónem, ut essémus sancti et immaculáti in conspéctu eius in caritáte.

Lectio 2, Eph 1:5-10

Qui prædestinávit nos in adoptiónem filiórum per Iesum Christum in ipsum: secúndum propósitum voluntátis suæ, in laudem glóriæ grátiæ suæ, in qua gratificávit nos in dilécto Fílio suo. In quo habémus redemptiónem per sánguinem eius, remissiónem peccatórum secúndum divítias grátiæ eius, quæ superabundávit in nobis in omni sapiéntia et prudéntia: ut notum fáceret nobis sacraméntum voluntátis suæ, secúndum beneplácitum eius, quod propósuit in eo, in dispensatióne plenitúdinis témporum, instauráre ómnia in Christo, quæ in cælis et quæ in terra sunt, in ipso.

Lectio 3, Eph 1:11-14

In quo étiam et nos sorte vocáti sumus prædestináti secúndum propósitum eius qui operátur ómnia secúndum consílium voluntátis suæ: ut simus in laudem glóriæ eius nos, qui ante sperávimus in Christo; in quo et vos, cum audissétis verbum veritátis, Evangélium salútis vestræ, in quo et credéntes signáti estis Spíritu promissiónis Sancto, qui est pignus hereditátis nostræ, in redemptiónem acquisitiónis, in laudem glóriæ ipsíus.

AD II NOCTURNUM

Lectio 4

Ex libro sancti Hierónymi Presbýteri de Scriptóribus ecclesiásticis

Cap. 17

Polycárpus, Joánnis Apóstoli discípulus et ab eo Smyrnæ epíscopus ordinátus, totíus Asiæ princeps fuit, quippe qui nonnúllos Apostolórum et eórum qui víderant Dóminum, magístros habúerit et víderit. Hic propter quasdam super die Paschæ quæstiónes, sub imperatóre Antoníno Pio, Ecclésiam in Urbe regénte Anicéto, Romam venit; ubi plúrimos credéntium, Marciónis et Valentíni persuasióne decéptos, redúxit ad fidem. Cumque ei fortúito óbviam fuísset Márcion et díceret: Cognóscis nos? respóndit: Cognósco primogénitum diáboli. Póstea vero, regnánte Marco Antoníno et Lúcio Aurélio Cómmodo, quarta post Nerónem persecutióne, Smyrnæ, sedénte procónsule et univérso pópulo in amphitheátro advérsus eum personánte, igni tráditus est. Scripsit ad Philippénses valde útilem epístolam, quæ usque hódie in Asiæ convéntu légitur.

Lectio 5

De Expositione sancti Ambrósii Epíscopi in Psalmum centesimum decimum octavum.

Sermo 21

Principes persecuti sunt me gratis: et a verbis tuis trepidavit cor meum. Bene hoc Martyr dicit, quod injuste persecutionum tormenta sustineat: qui nihil rapuerit, nullum violentus oppresserit, nullius sanguinem fuderit, nullius torum putaverit esse violandum: qui nihil legibus debeat, et graviora latronum sustinere cogatur supplicia: qui loquatur juste, et non audiatur: qui loquatur plena salutis, et impugnetur: ut possit dicere, Cum loquebar illis, impugnabant me gratis. Gratis igitur persecutionem patitur, qui impugnatur sine crimine impugnatur ut noxius, cum sit in tali confessione laudabilis: impugnatur quasi veneficus, qui in nomine Domini gloriatur, cum pietas virtutum omnium fundamentum sit.

Lectio 6

Vere frustra impugnatur, qui apud impios et infidos impietatis arcessitur, cum fidei sit magister. Verum qui gratis impugnatur, fortis debet esse et constans, quomodo ergo subtexuit: Et a verbis tuis trepidavit cor meum? Trepidare infirmitatis est, timoris atque formidinis. Sed est étiam infirmitas ad salutem, est étiam timor sanctorum. Timete Dominum omnes sancti ejus: et, Beatus vir, qui timet Dominum. Qua ratione beatus? Quia in mandatis ejus cupit nimis.

AD III NOCTURNUM

Lectio 7

Léctio sancti Evangélii secúndum Matthǽum

Matt 10:26-32

In illo témpore: Dixit Jesus discípulis suis: Nihil est opértum, quod non revelábitur; et occúltum, quod non sciétur. Et réliqua.

Homilía sancti Hilárii Epíscopi

Comment. in Matthaeum, cap. 10 post medium

Dóminus diem judícii osténdit, quæ abstrúsam voluntátis nostræ consciéntiam prodet: et ea quæ nunc occúlta existimántur, luce cognitiónis públicæ déteget. Ígitur non minas, non consília, non potestátes insectántium monet esse metuéndas: quia dies judícii nulla hæc fuísse, atque inánia revelábit. Et quod dico vobis in ténebris, dícite in lúmine: et quod in aure audítis, prædicáte super tecta. Non légimus Dóminum sólitum fuísse nóctibus sermocinári, et doctrínam in ténebris tradidísse: sed quia omnis sermo ejus carnálibus ténebræ sunt, et verbum ejus infidélibus nox est.

Lectio 8

Ítaque id quod a se dictum est, cum libertáte fídei et confessiónis vult esse loquéndum. Idcírco quæ in ténebris dicta sunt prædicári jussit in lúmine: ut quæ secréto áurium commíssa sunt, super tecta, id est, excélso loquéntium præcónio audiántur. Constánter enim Dei ingerénda cognítio est, et profúndum doctrínæ evangélicæ secrétum in lúmine prædicatiónis apostólicæ revelándum: non timéntes eos, quibus cum sit licéntia in córpora, tamen in ánimam jus nullum est: sed timéntes pótius Deum, cui perdéndæ in gehénna et ánimæ et córporis sit potéstas.

Lectio 9

Nolíte timére eos qui occídunt corpus. Nullus ígitur córporum nostrórum casus est pertimescéndus, neque ullus interiméndæ carnis admitténdus est dolor: quando pro natúræ suæ atque oríginis conditióne resolúta, in substántiam spirituális ánimæ refundátur. Et quia doctrínis tálibus confirmátos opórtet líberam confiténdi Dei habére constántiam, étiam conditiónem, qua tenerémur, adjécit: negatúrum se eum Patri in cælis, qui se homínibus in terra negásset: eum porro qui conféssus coram homínibus se fuísset, a se in cælis confiténdum: qualésque nos nóminis sui testes homínibus fuissémus, tali nos apud Deum Patrem testimónio ejus usúros.


Traduzione italiana delle Letture del Mattutino

I NOTTURNO

Lettura 1

Incomincia la Lettera di san Paolo Apostolo agli Efesini

Ef 1:1-4

Paolo per volontà di Dio Apostolo di Gesù Cristo, a tutti i santi che sono in Efeso e ai fedeli in Gesù Cristo. Grazie e pace a Voi da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo. Benedetto Dio, Padre di nostro Signore Gesù Cristo, per averci benedetti con ogni benedizione spirituale del cielo in Cristo, perché in lui ci ha scelti prima della fondazione del mondo, affinché nel suo cospetto fossimo santi ed irreprensibili nella carità.

Lettura 2, Ef 1:5-10

Per averci predestinati ad essere suoi figli adottivi per mezzo di Gesù Cristo; essendosi la sua volontà proposto di veder esaltata la gloria della sua grazia, che egli ci ha benignamente elargita nel suo diletto Figlio. Nel quale infatti noi mediante il suo sangue, abbiamo la redenzione, la remissione dei peccati, in proporzione delle ricchezze della sua grazia, ch'egli ha profuso in noi con tutta sapienza e prudenza: per farci conoscere il mistero della sua volontà, secondo il benevolo disegno che si era proposto, per attuarlo quando i tempi fossero maturi, cioè di restaurare in Cristo tutte le cose, e quelle che sono in cielo e quelle che sono sulla terra.

Lettura 3, Ef 1:11-14

Sì, in lui, nel quale anche noi siamo stati eletti, essendo, secondo il proposito di colui che ha fatto tutto come gli consiglia la sua volontà, stati predestinati a formare la sua gloria; noi che per i primi abbiamo sperato in Cristo: in lui, nel quale, anche voi, dopo aver udita la parola della verità, (cioè il Vangelo della vostra salute), avete creduto e avete ricevuto l'impronta dello Spirito Santo ch'era stato promesso e che è una caparra della nostra eredità in attesa della redenzione di quelli ch'egli s'è acquistati per la sua stessa gloria.

II NOTTURNO

Lettura 4

Dal libro di san Girolamo Prete sugli Scrittori ecclesiastici

Cap. 17

Policarpo, discepolo dell'Apostolo Giovanni e ordinato da lui vescovo di Smirne, fu primate di tutta l'Asia, avendo egli conosciuto ed avuto per maestri alcuni degli Apostoli e di quelli che avevano visto il Signore. Per certe questioni sul giorno della Pasqua, sotto l' imperatore Antonino Pio, allorché governava la Chiesa Aniceto, egli venne a Roma, dove ricondusse alla fede moltissimi fedeli sedotti dagli artifizi di Marcione e Valentino. Incontratosi per caso con Marcione ed avendogli questi detto: Mi conosci? rispose: Ti riconosco per il primogenito del diavolo. Più tardi, regnando Marco Antonio e Lucio Aurelio Commodo, nella quarta persecuzione dopo Nerone, davanti al proconsole di Smirne e di tutto il popolo radunato nell'anfiteatro e schiamazzante contro di lui, fu gettato nel fuoco. Egli scrisse una lettera assai utile ai Filippesi, la quale ancor oggi si legge nelle chiese dell'Asia.

Lettura 5

Dall'Esposizione di sant'Ambrogio Vescovo sul Salmo 118

Sermone 21

I principi m'han perseguitato senza ragione : ma il mio cuore ha temuto solo) le tue parole » (Ps. 118, 161. Il Martire ha ragione di dire che ingiustamente egli soffre i tormenti delle persecuzioni ; egli che niente ha rubato, a nessuno ha fatto violenza, non ha versato il sangue di alcuno, non ha violato il talamo di nessuno ; egli che nulla ha fatto contro le leggi, ed è costretto a subire i supplizi dei più grandi scellerati ; egli che dice il giusto, ma non è sentito ; che espone verità salutari, ed è perseguitato, così che può dire ; «Quando parlavo loro, mi combattevano senza ragione »Ps. 119, 7. Senza ragione dunque è perseguitato, chi è perseguitato senza aver commesso delitto ; è perseguitato come colpevole, mentre invece confessando la fede merita lode ; è perseguitato come malefico lui che si gloria nel nome del Signore, essendo la pietà il fondamento di tutte le virtù.

Lettura 6

Veramente è perseguitato senza ragione, chi è accusato d'empietà presso gli empi ed infedeli, mentre egli insegna la fede. Ma chi è perseguitato senza ragione, dev'essere forte e costante ; come dunque si soggiunge «Ma il mio cuore ha temuto solo) le tue parole?» (Ps. 118, 161? Tremare è segno di debolezza, di timore e di paura. Ma c'è anche una debolezza salutare, c'è anche il timore dei santi : « Temete il Signore, santi suoi tutti » Ps. 33, 10; e : «Beato l'uomo che teme il Signore » Ps. 111, 1. Per quale motivo beato? Perché «pone sue delizie nei suoi comandamenti ».

III NOTTURNO

Lettura 7

Dal Vangelo secondo Matteo

Matt 10:26-32

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: Poiché nulla v'è di nascosto che non debba essere rivelato, e niente d'occulto che non s'abbia a sapere. Eccetera.

Omelia di san Ilario vescovo

Commentari su Matteo, cap 10, dopo la metà

Il Signore mostra il giorno del giudizio, che manifesterà la coscienza segreta della nostra volontà: e quelle cose che ora si stimano occulte, aprirà alla luce della cognizione pubblica. Quindi ammonisce che vanno temute le minacce, i consigli, i poteri dei persecutori: perché il giorno del giudizio rivelerà che queste erano state nulle e vane. "Dite in pieno giorno quello che io vi dico all'oscuro: e predicate sui tetti quel che vi é stato detto in un orecchio." Non leggiamo che il Signore fosse solito fare discorsi di notte, e che avesse tramandato la dottrina nelle tenebre: ma che ogni suo discorso sono tenebre per i carnali, e il suo verbo è notte per gli infedeli.

Lettura 8

Pertanto ciò che è stato detto da Lui, vuole che sia enunciato con libertà di fede e confessione. Quindi ordinò che si predicassero nella luce le cose che sono state dette nelle tenebre: di modo che quelle cose che sono affidate al segreto degli orecchi, vengano udite sopra i tetti, ossia con la voce alta dei parlanti. Infatti la cognizione di Dio va proposta di continuo, ed il profondo segreto della dottrina evangelica va rivelata nel lume della predicazione apostolica: non temendo quelli che, sebbene gli sia dato potere sui corpi, tuttavia non hanno alcun giurisdizione sull'anima: ma temendo piuttosto Dio, Che ha il potere di fare perire nella geenna sia il corpo che l'anima.

Lettura 9

Non temete coloro che uccidono il corpo. Niente che accade ai nostri corpi è da temere, e nessun dolore per l'uccisione della carne è da ammettere: quando in cambio della disciolta condizione della sua natura, viene rifondata nella sostanza dell'anima spirituale. E poiché è opportuno che i confermati in tali dottrine abbiano la libera costanza di confessare Dio, aggiunse anche la condizione per la quale fossimo legati: che Egli avrebbe negato davanti al Padre nei cieli colui che avesse negato Lui in terra: inoltre colui che lo avesse confessato davanti agli uomini, veniva confessato da Lui nei cieli: e quali noi fossimo stati testimoni del suo nome agli uomini, noi avremmo usufruito di tale testimonianza presso Dio Padre.


Ad Primam: il Martirologio del 27 Gennaio 2022

Sexto Kalendas Februarii, luna vigesima quarta.



Nel sesto giorno alle Calende di Febbraio, luna ventiquattresima.




Parti proprie della Messa

INTROITUS

Sacerdótes Dei, benedícite Dóminum: sancti et húmiles corde, laudáte Deum. --- Benedícite, ómnia ópera Dómini, Dómino: laudáte et superexaltáte eum in sǽcula. --- Glória Patri --- Sacerdótes Dei, benedícite Dóminum: sancti et húmiles corde, laudáte Deum.

COLLECTA

Orémus. Deus, qui nos beáti Polycárpi Mǽrtyris tui atque Pontíficis ánnua sollemnitáte lætíficas: concéde propítius; ut, cujus natalítia cólimus, de ejúsdem étiam protectióne gaudeámus. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.

EPISTOLA

Léctio Epístolæ beáti Joánnis Apóstoli.

1 Joann 3:10-16

Caríssimi: Omnis qui non est justus, non est ex Deo, et qui non díligit fratrem suum: quóniam hæc est annuntiátio, quam audístis ab inítio, ut diligátis altérutrum. Non sicut Cain, qui ex malígno erat, et occídit fratrem suum. Et propter quid occídit eum? Quóniam ópera ejus malígna erant: fratris autem ejus justa. Nolíte mirári fratres, si odit vos mundus. Nos scimus quóniam transláti sumus de morte ad vitam, quóniam dilígimus fratres. Qui non díligit, manet in morte: omnis qui odit fratrem suum, homicída est. Et scitis, quóniam omnis homicída non habet vitam ætérnam in semetípso manéntem. In hoc cognóvimus caritátem Dei, quóniam ille ánimam suam pro nobis pósuit: et nos debémus pro frátribus ánimas pónere.

GRADUALE

Glória et honóre coronásti eum. Et constituísti eum super ópera mánuum tuárum, Dómine.

ALLELUJA

Allelúja, allelúja. Hic est Sacérdos, quem coronávit Dóminus. Allelúja.

EVANGELIUM

Sequéntia ✠ sancti Evangélii secundum Matthǽum.

Matt 10:26-32

In illo témpore: Dixit Jesus discípulis suis: Nihil est opértum, quod non revelábitur; et occúltum, quod non sciétur. Quod dico vobis in ténebris, dícite in lúmine: et quod in aure audítis, prædicáte super tecta. Et nolíte timére eos, qui occídunt corpus, ánimam autem non possunt occídere; sed pótius timéte eum, qui potest et ánimam et corpus pérdere in gehénnam. Nonne duo pásseres asse véneunt: et unus ex illis non cadet super terram sine Patre vestro? Vestri autem capílli cápitis omnes numerári sunt. Nolíte ergo timére: multis passéribus melióres estis vos. Omnis ergo, qui confitébitur me coram homínibus, confitébor et ego eum coram Patre meo, qui in coelis est.

OFFERTORIUM

Orémus. Invéni David servum meum. óleo sancto meo unxi eum: manus enim mea auxiliábitur ei, et bráchium meum confortábit eum.

SECRETA

Múnera tibi, Dómine, dicáta sanctífica: et, intercedénte beáto Polycárpo Mártyre tuo atque Pontífice, per éadem nos placátus inténde. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.

PRAEFATIO COMMUNIS

Vere dignum et justum est, æquum et salutáre, nos tibi semper et ubíque grátias agere: Dómine sancte, Pater omnípotens, ætérne Deus: per Christum, Dóminum nostrum. Per quem majestátem tuam laudant Angeli, adórant Dominatiónes, tremunt Potestátes. Coeli coelorúmque Virtútes ac beáta Séraphim sócia exsultatióne concélebrant. Cum quibus et nostras voces ut admitti jubeas, deprecámur, súpplici confessione dicéntes: (Sanctus).

COMMUNIO

Posuísti, Dómine, in cápite ejus corónam de lápide pretióso.

POSTCOMMUNIO

Orémus. Refécti participatióne múneris sacri, quǽsumus, Dómine, Deus noster: ut, cujus exséquimur cultum, intercedénte beáto Polycárpo Mártyre tuo atque Pontífice, sentiámus efféctum. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.


Traduzione italiana

INTROITO

Sacerdoti di Dio, benedite il Signore; lodatelo, o santi ed umili di cuore. --- Benedite il Signore, o voi tutte, opere di Dio: lodatelo ed esaltatelo nei secoli. --- Gloria --- Sacerdoti di Dio, benedite il Signore; lodatelo, o santi ed umili di cuore.

COLLETTA

Preghiamo. O Dio, che ci rallegri con l'annuale solennità del beato Policarpo Martire tuo e Vescovo: concedici benigno di godere del patrocinio suo, come ne celebriamo l'anniversario. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

EPISTOLA

Lettura della prima lettera di San Giovanni Apostolo.

1 Giov 3:10-16

Carissimi: Chiunque non vive la giustizia non viene da Dio, e così neppure chi non ama il suo fratello; poiché questa è la dottrina che udiste da principio, che vi amiate l'un l'altro. Non come Caino che era dal maligno e uccise suo fratello. E perché lo uccise? Perché le sue opere erano cattive, e quelle di suo fratello giuste. Non vi stupite, fratelli, se il mondo vi odia. Noi sappiamo che siamo stati trasportati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte: chiunque odia il proprio fratello è omicida. E voi sapete che qualunque omicida non ha in se stesso la vita eterna. Da questo abbiamo conosciuto l'amore di Dio, perché Egli ha dato la sua vita per noi: e noi pure dobbiamo dare lo vita per i fratelli.

GRADUALE

Di gloria e di onore lo coronasti. E lo costituisti sopra le opere delle tue mani, o Signore.

ALLELUIA

Alleluia, alleluia. Questi è il sacerdote, che il Signore coronò. Alleluia.

VANGELO

Lettura del Santo Vangelo secondo San Matteo.

Matt 10:26-32

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: «Nulla v'è di nascosto che non s'abbia da rivelare

e niente di segreto che non s'abbia a sapere. Quel che vi dico nelle tenebre, voi ditelo in piena luce, e quello che vi è sussurrato nell'orecchio predicatelo sui tetti. E non temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l'anima; temete piuttosto colui che può mandare in perdizione anima e corpo nell'inferno. Non si vendono forse due passeri per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà in terra senza il volere del Padre vostro. Orbene, quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non temete dunque, voi valete di più di molti passeri. Chi dunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli».

OFFERTORIO

Preghiamo. Ho trovato Davide mio servo; l'ho consacrato col mio sacro olio; sicché sia sempre con lui la mia mano, e il mio braccio gli dia forza.

SECRETA

Santifica, Signore, i doni a te consacrati: e per questi medesimi doni, intercedendo il beato Policarpo Martire tuo e Vescovo, guardaci con clemenza. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

PREFAZIO COMUNE

E’ veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e dovunque a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno, per Cristo nostro Signore. Per mezzo di lui gli Angeli lodano la tua gloria, le Dominazioni ti adorano, le Potenze ti venerano con tremore. A te inneggiano i Cieli, gli Spiriti celesti e i Serafini, uniti in eterna esultanza. Al loro canto concedi, o Signore, che si uniscano le nostre umili voci nell'inno di lode: (Sanctus).

COMUNIONE

O Signore, gli hai posto in capo una corona di pietre preziose.

POST-COMUNIONE

Preghiamo. Ristorati dalla partecipazione a questo sacramento, ti preghiamo, o Signore nostro Dio, affinché per l'intercessione del beato Policarpo Martire tuo e Vescovo, sentiamo l'effetto duraturo del sacrificio celebrato. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.


Dall'Anno Liturgico di Dom Guéranger

26 GENNAIO SAN POLICARPO VESCOVO E MARTIRE

In mezzo alle dolcezze che prova nella contemplazione del Verbo fatto carne, Giovanni il Prediletto vede venire il suo discepolo Policarpo, tutto risplendente della gloria del martirio. Il vegliardo ha appena risposto nell'anfiteatro al Proconsole che lo esortava a rinnegare Cristo: "Sono ottantaquattro anni che lo servo e non mi ha mai fatto del male; anzi, che dico? mi ha ricolmato di beni. Come potrei maledire il mio Re che mi ha salvato?" Dopo essere passato attraverso il fuoco e la spada, è giunto ai piedi del Salvatore, e godrà eternamente la beatitudine della sua presenza, in cambio delle fatiche sopportate per conservare nel suo gregge la fede e la carità, e della sua morte cruenta.

Al pari di san Giovanni, suo maestro, si è opposto energicamente agli sforzi degli eretici. Fedele ai suoi ordini, non ha voluto che il corruttore della fede di Cristo, l'eresiarca Marcione, ricevesse dalla sua bocca la salvezza, ma lo chiamò semplicemente il primoge­nito di Satana. Avversario energico dell'orgogliosa setta che arrossiva dell'Incarnazione d'un Dio, ha scritto nella sua Epistola ai Filippesi: "Chiunque non confessa la venuta di Gesù Cristo nella carne, è un Anticristo". Era dunque giusto che così coraggioso testimone fosse chiamato all'onore di stare presso la culla dove il Figlio di Dio si mostra a noi in tutta la sua tenerezza, e rivestito d'una carne simile alla nostra. Policarpo è stato fedele fino alla morte; per questo è qui incoronato, in questi giorni che commemorano la venuta del suo Re in mezzo a noi.

Prendiamo dal De Scriptoribus ecclesiasticis di san Girolamo alcuni particolari sulla sua vita:

Policarpo, discepolo di Giovanni, che lo ordinò Vescovo di Smime, fu il capo di tutta l'Asia, perché aveva conosciuto ed aveva avuto come maestri alcuni degli Apostoli e di quelli che avevano visto il Signore. Sotto il regno di Antonino Pio, allorché Aniceto governava la Chiesa, alcune difficoltà circa il giorno della Pasqua lo fecero venire a Roma (verso il 194), dove riportò alla fede parecchi fedeli che si erano lasciati sedurre dagli artifici di Marcione e di Valentino. Avendo un giorno incontrato l'eresiarca Marcione, il quale gli diceva: "Mi conosci?", Policarpo rispose : "Ti riconosco come il primogenito di Satana". Qualche tempo dopo, sotto il regno di Marco Antonino e di Lucio Aurelio Commodo, nella quarta persecuzione da quella di Nerone, fu condannato dal tribunale del Proconsole di Smirne, e arso tra i clamori di tutto il popolo raccolto nell'anfiteatro. Scrisse ai Filippesi una preziosa Epistola, che si legge ancor oggi nelle Chiese dell'Asia.

Tu hai messo pienamente in atto il significato del tuo nome, o Policarpo, poiché hai prodotto molti frutti per il Salvatore nei lunghi anni passati al suo servizio. Quei frutti sono le numerose anime che hai conquistate con le tue cure, le virtù che hanno adornato la tua vita e infine quella stessa vita che tu hai restituita al Salvatore. Quale fortuna la tua, di aver ricevuto le lezioni del discepolo che posò il capo sul petto di Gesù! Dopo esserne stato disgiunto per più di sessant'anni, oggi raggiungi il tuo maestro lieto di rivederti. Ecco che adorate insieme il divino Bambino di cui imitaste la semplicità; quel Bambino che fu il vostro unico amore. Vi supplichiamo di chiedergli anche la fedeltà fino alla morte.

Coltiva ancora dall'alto del cielo, o Policarpo, il campo della Chiesa, fecondato dalle tue fatiche e irrorato dal tuo sangue. Ristabilisci la fede e l'unità in seno alle Chiese dell'Asia edificate dalle tue venerabili mani. Affretta, con le tue preghiere, la dissoluzione dell'Islamismo, che dovette i suoi successi e la sua durata solo ai tristi effetti dello scisma bizantino. Ricordati della Francia alla quale hai inviato illustri Apostoli e martiri come tè. Benedici paternamente la Chiesa di Lione; essa ti riverisce come il suo fondatore per il ministero del tuo discepolo Potino e ha pure una parte così gloriosa nell'apostolato dei Gentili, per la sua Opera della Propagazione della Fede.

Veglia per la conservazione della purezza della Fede ; guardaci dal contatto dei seduttori. Rendendo omaggio alla Cattedra Apostolica, anche tu hai voluto "vedere Pietro"; e sei venuto a Roma a conferire con il Pontefice intorno agli affari della tua Chiesa di Smirne. Rivendica i diritti di questa augusta Sede, da cui proviene, per i nostri Pastori, la sola missione legittima. Ottienici di passare gli ultimi giorni di questo tempo di Natale in un profondo raccoglimento e nell'amore del nostro neonato Re. Che questo amore, unito alla purezza dei nostri cuori, ci ottenga grazia e misericordia; e, per completare il nostro pellegrinaggio, chiedi per noi la corona di vita.

24 gennaio 2022

Martedì 25 Gennaio 2022 nella liturgia



Festa della Conversione di San Paolo Apostolo, Doppio Maggiore, colore liturgico bianco. Commemorazione di San Pietro Apostolo.

Ottavo e ultimo giorno dell'Ottavario di preghiera per la conversione dei non cattolici e il loro ritorno alla Chiesa. L'intenzione del giorno è pregare per la conversione degli islamici e di tutti i pagani.

Ai Vespri commemorazioni di San Pietro e di San Policarpo Vescovo e Martire.


Qui per le peculiarità del Tempo dopo l'Epifania:

https://loquerequaedecentsanamdoctrinam.blogspot.com/2021/01/dispensa-di-liturgia-sul-tempo-dopo.html


Al Breviario

Tutto dal Proprio dei Santi al 25 Gennaio con i Salmi riportati a Mattutino, quelli domenicali da Lodi a Nona (a Prima come alle Feste) e quelli del Comune degli Apostoli ai Vespri. Compieta della Domenica.

Le Antifone non si raddoppiano; il Suffragio, le Preci e il si omettono.

  

Nota per coloro che recitano per devozione il Breviario anteriore alle disastrose riforme del 1911 (chi ha l'obbligo dell'Ufficio purtroppo non soddisfa a tale obbligo se non usa il Breviario riformato dalla Costituzione Apostolica Divino Afflatu, almeno tale è stata la volontà di San Pio X espressamente manifestata nella detta Costituzione):

Festa della Conversione di San Paolo Apostolo, Doppio Maggiore, colore liturgico bianco. Commemorazione di San Pietro Apostolo.

Ai Vespri commemorazioni di San Pietro e di San Policarpo Vescovo e Martire.


Tutto come sopra salvo le solite differenze ai Salmi di Lodi e Compieta; a Mattutino Salmi dal Comune degli Apostoli.


Al Messale

Messa al 25 Gennaio:

  • Gloria

  • Si dicono due Orazioni:
    • La prima della Messa
    • La seconda della commemorazione di San Pietro
  • Credo
  • Prefazio degli Apostoli
  • Ite Missa est
  • Prologo di San Giovanni


Letture del Mattutino

AD I NOCTURNUM

Lectio 1

De Actibus Apostolórum

Act 9:1-5

Saulus autem adhuc spirans minárum et cædis in discípulos Dómini, accéssit ad príncipem sacerdótum, et pétiit ab eo epístolas in Damáscum ad synagógas: ut si quos invenísset huius viæ viros ac mulíeres, vinctos perdúceret in Jerúsalem. Et cum iter fáceret, cóntigit ut appropinquáret Damásco: et súbito circumfúlsit eum lux de cælo. Et cadens in terram audívit vocem dicéntem sibi: Saule, Saule, quid me perséqueris? Qui dixit: Quis es, dómine? Et ille: Ego sum Jesus, quem tu perséqueris: durum est tibi contra stímulum calcitráre.

Lectio 2, Act 9:6-9

Et tremens ac stupens dixit: Dómine, quid me vis fácere? Et Dóminus ad eum: Surge, et ingrédere civitátem, et ibi dicétur tibi quid te opórteat fácere. Viri autem illi qui comitabántur cum eo, stabant stupefácti, audiéntes quidem vocem, néminem autem vidéntes. Surréxit autem Saulus de terra, apertísque óculis nihil vidébat. Ad manus autem illum trahéntes, introduxérunt Damáscum. Et erat ibi tribus diébus non videns, et non manducávit, neque bibit.

Lectio 3, Act 9:10-16

Erat autem quidam discípulus Damásci, nómine Ananías: et dixit ad illum in visu Dóminus: Ananía. At ille ait: Ecce ego, Dómine. Et Dóminus ad eum: Surge, et vade in vicum qui vocátur Rectus: et quære in domo Judæ Saulum nómine Tarsénsem: ecce enim orat. (Et vidit virum Ananíam nómine, introeúntem, et imponéntem sibi manus ut visum recípiat.) Respóndit autem Ananías: Dómine, audívi a multis de viro hoc, quanta mala fécerit sanctis tuis in Jerúsalem: et hic habet potestátem a princípibus sacerdótum alligándi omnes qui ínvocant nomen tuum. Dixit autem ad eum Dóminus: Vade, quóniam vas electiónis est mihi iste, ut portet nomen meum coram géntibus, et régibus, et fíliis Israël. Ego enim osténdam illi quanta opórteat eum pro nómine meo pati.

AD II NOCTURNUM

Lectio 4

Sermo sancti Augustíni Epíscopi

Sermo 14 de Sanctis

Hodie de Actibus Apostolórum léctio hæc pronuntiáta est, ubi Paulus Apóstolus, ex persecutore Christianórum, annuntiátor factus est Christi. Prostrávit enim Christus persecutórem, ut fáceret Ecclésiæ doctórem: percutiens eum, et sanans; occidens, et vivíficans: occisus agnus a lupis, et fáciens agnos de lupis. Ita enim in præclára prophetía cum Jacob Pátriarcha benediceret fíliis suis (præséntes tangens, futura prospíciens) prædictum erat quod in Paulo cóntigit. Erat autem Paulus, sicut ipse testátur, de tribu Benjamin. Cum autem Jacob, benedicens fílios suos, venísset ad benedicéndum Benjamin, ait de illo: Benjamin lupus rapax.

Lectio 5

Quid ergo? lupus rapax semper? Absit; sed qui mane rapit prædam, ad vésperam dividit escas. Hoc in Apóstolo Paulo impletum est, quia et de illo dictum erat. Jam, si placet, audiámus illum mane rapientem, ad vésperam escas dividéntem. Mane et véspere pósita sunt pro eo, ac si dicerétur, prius et póstea. Sic ergo accipiámus: Prius rapiet, póstea dividet escas. Atténdite raptórem: Saulus, inquit, acceptis epistolis a princípibus sacerdotum, ibat, ut ubicúmque inveníret Christiános, ad sacerdótes attraheret et adduceret, útique puniendos.

Lectio 6

Ibat spirans et anhélans cædes: hoc est, mane rápiens. Nam et quando lapidátus est Stéphanus primus Martyr pro nómine Christi, evidentius áderat et Saulus; et sic áderat lapidántibus, ut non ei suffíceret, si tantum suis mánibus lapidaret. Ut enim esset in ómnium lapidántium mánibus, ipse ómnium vestiménta servábat; magis sæviens omnes adjuvando, quam suis mánibus lapidando. Audívimus, mane rapiet: videámus ad vésperam quáliter dividat escas. Voce Christi prostrátus de cælo, et accípiens désuper interdictum jam sæviéndi, cécidit in fáciem suam, prius prosternendus, póstea erigendus; prius percutiendus, póstea sanandus.

AD III NOCTURNUM

Lectio 7

Léctio sancti Evangélii secúndum Matthǽum

Matt 19:27-29

In illo témpore: Dixit Petrus ad Jesum: Ecce nos relíquimus ómnia, et secúti sumus te: quid ergo erit nobis? Et réliqua.

Homilía sancti Bedæ Venerábilis Presbýteri

Homilia in Natali S. Benedicti Ep.

Perfectus ille est, qui abiens véndit ómnia quæ habet, et dat paupéribus, ac veniens sequitur Christum; habébit enim thesáurum non defícientem in cælis. Unde bene, interrogánte Petro, dixit tálibus Jesus: Amen dico vobis, quod vos qui secúti estis me, in regeneratióne, cum sederit Fílius hóminis in sede majestátis suæ, sedebitis et vos super sedes duodecim, judicántes duódecim tribus Israël. In hac quippe vita pro ejus nómine laborántes, in alia præmium speráre docuit, id est, in regeneratióne; cum videlicet in vitam immortalem fuérimus resurgéndo regenerati, qui in vitam caducam mortáliter erámus geniti.

Lectio 8

Et justa prorsus retributio, ut, qui hic pro Christo humanæ glóriam celsitúdinis neglexérunt, illic a Christo judices glorificáti singuláriter cum eo assídeant qui a sequéndis ejus vestigiis nulla ratióne poterant avelli. Nemo autem putet duódecim tantum Apóstolos, quia pro Juda prævaricante Matthias eléctus est, tunc esse judicatúros; sicut nec duódecim solæ sunt tribus Israël judicándæ: alioquin tribus Levi, quæ tertiadecima est, injudicáta recedet.

Lectio 9

Et Paulus, qui tertiusdecimus est Apóstolus, judicándi sorte privábitur? cum ipse dicat: Nescitis quóniam ángelos judicábimus, quanto magis sæcularia? Sciéndum namque est, omnes, qui ad exemplum Apostolórum, sua reliquérunt ómnia et secúti sunt Christum, judices cum eo venturos, sicut étiam omne mortalium genus esse judicándum. Quia enim duodenario sæpe número solet in Scripturis univérsitas designari, per duódecim sedes Apostolórum ómnium numerositas judicántium, et, per duódecim tribus Israël, univérsitas eórum qui judicándi sunt, osténditur.


Traduzione italiana delle Letture del Mattutino

I NOTTURNO

Lettura 1

De Actibus Apostolorum.

Acta 9:1-5

Saulo tuttora spirante minacce e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote, e gli domandò lettere per le sinagoghe di Damasco; per poter menar legati a Gerusalemme tutti gli uomini e le donne che trovasse appartenenti a quella fede. E durante il viaggio avvenne che, quando già era vicino a Damasco, d'improvviso una luce del cielo gli folgorò d'intorno. E, caduto per terra, udì una voce che gli diceva: Saulo, Saulo, perché mi perseguiti? Ed egli chiese: Chi sei tu, Signore? Ed egli: Io sono Gesù che tu perseguiti. Non ti conviene tirar calci contro il pungolo.

Lettura 2, Acta 9:6-9

Ed egli tremando dallo spavento, disse: Signore, che vuoi tu ch'io faccia? E il Signore a lui: Lévati su, ed entra in città, e là ti sarà detto quel che devi fare. E quei che l'accompagnavano, si fermarono attoniti, perché udivano bene la voce, ma non vedevano alcuno. E Saulo s'alzò da terra e, aperti gli occhi, non vedeva nulla, Allora quelli, menandolo per mano, lo condussero a Damasco. E ci stette tre giorni senza vedere, e senza mangiare né bere.

Lettura 3, Acta 9:10-16

Or c'era in Damasco un certo discepolo, per nome Anania, a cui il Signore disse in visione: Anania. Ed egli rispose: Eccomi, Signore. E il Signore a lui: Alzati, e va nella strada, chiamata La dritta: e cerca in casa di Giuda, uno di Tarso, che ha nome Saulo ecco, egli sta pregando. (Perché egli ha visto in visione un uomo, di nome Anania, entrare e imporgli le mani, affinché ricuperi la vista). Anania rispose: Signore, di quest'uomo da molti ha Sentito dire che a Gerusalemme egli ha fatto un gran male ai tuoi fedeli; e qui ha dai capi sacerdoti l'autorizzazione d'arrestare tutti quelli che invocano il tuo nome. Ma il Signore gli disse; Va', perché egli è uno strumento eletto da me a portare il mio nome ai Gentili, e ai re, e ai figli d'Israele. E io gli mostrerò quanto dovrà patire per il mio nome.

II NOTTURNO

Lettura 4

Sermone di sant'Agostino Vescovo

Sermone 14 sui Santi

Oggi s'è letto il passo degli Atti degli Apostoli, che ricorda come Paolo Apostolo da persecutore dei Cristiani divenne predicatore di Cristo. Infatti Cristo prostrò un persecutore, per farne un dottore della Chiesa: l'abbatté, e lo risanò; lo uccise, e gli diede la vita: agnello immolato dai lupi, egli cangia i lupi in agnelli. E ciò che s'è compiuto in Paolo, fu già predetto nella celebre profezia del patriarca Giacobbe allorché colla mano stesa sui presenti e cogli occhi fissi all'avvenire) benedisse i suoi figli. E Paolo era, come l'attesta lui stesso, della tribù di Beniamino. Ora, quando Giacobbe, nel benedire i suoi figli, arrivò a Beniamino, disse di lui: «Beniamino, lupo rapace» (Gen. 49, 27).

Lettura 5

Che perciò? sarà sempre lupo rapace? Giammai; ma «chi al mattino rapisce la preda, alla sera divide le spoglie» Gen. 49, 27. Ciò s'è compiuto nell'Apostolo Paolo, perché era stato predetto anche di lui. Ora, se lo volete, consideriamolo al mattino che rapisce la preda, e alla sera che divide le spoglie. Il mattino e la sera sono posti qui come se si dicesse, prima e dopo. Prendiamolo dunque così Prima rapisce, poi divide le spoglie. Ecco il rapitore: Saulo, è scritto Act. 9,1, ricevuto lettere dai capi sacerdoti, andava, per poter menar legati ai sacerdoti quanti Cristiani avesse trovati, e certo per farli punire.

Lettura 6

Andava spirante minacce e stragi: vale a dire, «che rapisce al mattino». Infatti quando fu lapidato Stefano Protomartire per il nome di Cristo, Saulo era ancora più presente; ed era così solidale coi lapidatori, che di più non sarebbe stato possibile se lo avesse lapidato colle sue proprie mani. Poiché per essere nelle mani di tutti i lapidatori, egli custodiva le vesti di tutti; incrudelendo così di più, aiutando tutti, che lapidandolo colle proprie mani. Abbiam visto, «che rapisce al mattino»: vediamo ora come dividerà le spoglie alla sera. Prostrato dal cielo dalla voce di Cristo, e ricevuto inoltre l'ordine di non più incrudelire, cadde per terra, dovendo essere prima abbattuto per essere poi rialzato; prima percosso, per essere poi risanato.

III NOTTURNO

Lettura 7

Dal Vangelo secondo Matteo

Matteo 19:27-29

In quel tempo Pietro disse a Gesù: "Ecco, noi abbiamo abbandonato tutto e ti abbiamo seguito; che ne avremo noi?". Eccetera.

Omelia di san Beda, il Venerabile, Prete

Omelia sulla Festa di S. Benedetto Vescovo

Quegli è perfetto, che va e vende tutto che ha, e lo dà ai poveri, e si mette a seguire Cristo ; poiché avrà un tesoro inesauribile nel cielo. Quindi, quando Pietro l'interrogò, Gesù ben disse questi tali : « In verità dico, voi che mi avete seguito, nella rigenerazione, quando il Figlio dell'uomo sederà sul trono della sua maestà, sederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù Israele ». Insegnando così a quelli che s'affaticano in questa vita per il suo nome, a sperarne la ricompensa nell'altra, cioè nella rigenerazione ; ossia ché risuscitando saremo nati a una vita immortale, noi ch'eravamo stati generati mortali per una vita caduca.

Lettura 8

Ed è una ricompensa ben giusta che quelli, i quali qui hanno disprezzato per Cristo la gloria delle umane grandezze, siano là glorificati particolarmente da Cristo e siedano giudici con lui : essi che nessuna considerazione poté smuovere dal seguire le sue vestigia. Nessuno poi creda che solo i dodici Apostoli, poiché al posto di Giuda prevaricatore fu eletto Mattia, saranno allora a giudicare ; come non le sole dodici tribù d'Israele ad essere giudicate altrimenti la tribù di Levi, che è la tredicesima, rimarrebbe ingiudicata.

Lettura 9

E Paolo, ch'è il tredicesimo Apostolo, sarà privato del privilegio di giudicare? lui che dice : « Non sapete che giudicheremo gli angeli, quanto più le cose dei secolo?» 1 Cor., 6, 3 Si deve dunque sapere, che tutti che, sull'esempio degli Apostoli, hanno lasciato che possedevano, e hanno seguito Cristo, verranno con lui a giudicare, come pure tutto il genere umano sarà giudicato. E perché spesso nelle Scritture il numero dodici suole designare universalità, così i dodici troni degli Apostoli indicano la moltitudine dei giudicanti, e le dodici tribù d'Israele l'universalità di coloro che sono da giudicare.


Ad Primam: il Martirologio del 26 Gennaio 2022

Septimo Kalendas Februarii, luna vigesima tertia.



Nel settimo giorno alle Calende di Febbraio, luna ventitreesima.




Parti proprie della Messa

INTROITUS

Scio, cui crédidi, et certus sum, quia potens est depósitum meum serváre in illum diem, justus judex. --- Dómine, probásti me et cognovísti me: tu cognovísti sessiónem meam et resurrectiónem meam. --- Glória Patri --- Scio, cui crédidi, et certus sum, quia potens est depósitum meum serváre in illum diem, justus judex.

COLLECTAE

Orémus. Deus, qui univérsum mundum beáti Pauli Apóstoli prædicatióne docuísti: da nobis, quǽsumus; ut, qui ejus hódie Conversiónem cólimus, per ejus ad te exémpla gradiámur. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.

Orémus. Deus, qui beáto Petro Apóstolo tuo, collátis clávibus regni cœléstis, ligándi atque solvéndi pontifícium tradidísti: concéde; ut, intercessiónis ejus auxílio, a peccatórum nostrórum néxibus liberémur: Qui vivis et regnas cum Deo Patre, in unitáte Spíritus Sancti, Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.

EPISTOLA

Léctio Actuum Apostolórum.

Act 9:1-22

In diébus illis: Saulus adhuc spirans minárum et cædis in discípulos Dómini, accés sit ad príncipem sacerdótum, et pétiit ab eo epístolas in Damáscum ad synagógas: ut, si quos invenísset hujus viæ viros ac mulíeres, vinctos perdúceret in Jerúsalem. Et cum iter fáceret, cóntigit, ut appropinquáret Damásco: et súbito circumfúlsit eum lux de cœlo. Et cadens in terram, audívit vocem dicéntem sibi: Saule, Saule, quid me perséqueris? Qui dixit: Quis es, Dómine? Et ille: Ego sum Jesus, quem tu perséqueris: durum est tibi contra stímulum calcitráre. Et tremens ac stupens, dixit: Dómine, quid me vis fácere? Et Dóminus ad eum: Surge et ingrédere civitátem, et ibi dicétur tibi, quid te opórteat fácere. Viri autem illi, qui comitabántur cum eo, stabant stupefácti, audiéntes quidem vocem, néminem autem vidéntes. Surréxit autem Saulus de terra, apertísque óculis nihil vidébat. Ad manus autem illum trahéntes, introduxérunt Damáscum. Et erat ibi tribus diébus non videns, et non manducávit neque bibit. Erat autem quidam discípulus Damásci, nómine Ananías: et dixit ad illum in visu Dóminus: Ananía. At ille ait: Ecce ego, Dómine. Et Dóminus ad eum: Surge et vade in vicum, qui vocátur Rectus: et quære in domo Judæ Saulum nómine Tarsénsem: ecce enim orat. Et vidit virum, Ananíam nómine, intrœúntem et imponéntem sibi manus, ut visum recipiat. Respóndit autem Ananías: Dómine, audívi a multis de viro hoc, quanta mala fécerit sanctis tuis in Jerúsalem: et hic habet potestátem a princípibus sacerdótum alligándi omnes, qui ínvocant nomen tuum. Dixit autem ad eum Dóminus: Vade, quóniam vas electiónis est mihi iste, ut portet nomen meum coram géntibus et régibus et fíliis Israël. Ego enim osténdam illi, quanta opórteat eum pro nómine meo pati. Et ábiit Ananías et introívit in domum: et impónens ei manus, dixit: Saule frater, Dóminus misit me Jesus, qui appáruit tibi in via, qua veniébas, ut vídeas et impleáris Spíritu Sancto. Ei conféstim cecidérunt ab óculis ejus tamquam squamæ, et visum recépit: et surgens baptizátus est. Et cum accepísset cibum, confortátus est. Fuit autem cum discípulis, qui erant Damásci, per dies áliquot. Et contínuo in synagógis prædicábat Jesum, quóniam hic est Fílius Dei. Stupébant autem omnes, qui audiébant, et dicébant: Nonne hic est, qui expugnábat in Jerúsalem eos, qui invocábant nomen istud: et huc ad hoc venit, ut vinctos illos dúcere ad príncipes sacerdótum? Saulus autem multo magis convalescébat, et confundébat Judæos, qui habitábant Damásci, affírmans, quóniam hic est Christus.

GRADUALE

Qui operátus est Petro in apostolátum, operátus est ei mihi inter gentes: et cognovérunt grátiam Dei, quæ data est mihi. Grátia Dei in me vácua non fuit: sed grátia ejus semper in me manet. 

ALLELUJA

Allelúja, allelúja. Magnus sanctus Paulus, vas electiónis, vere digne est glorificándus, qui et méruit thronum duodécimum possídere. Allelúja.

EVANGELIUM

Sequéntia ✠ sancti Evangélii secundum Matthǽum.

Matt 19:27-29

In illo témpore: Dixit Petrus ad Jesum: Ecce, nos relíquimus ómnia, et secúti sumus te: quid ergo erit nobis? Jesus autem dixit illis: Amen, dico vobis, quod vos, qui secúti estis me, in regeneratióne, cum séderit Fílius hóminis in sede majestátis suæ, sedébitis et vos super sedes duódecim, judicántes duódecim tribus Israël. Et omnis, qui relíquerit domum, vel fratres, aut soróres, aut patrem, aut matrem, aut uxórem, aut fílios, aut agros, propter nomen meum, céntuplum accípiet, et vitam ætérnam possidébit.

OFFERTORIUM

Orémus. Mihi autem nimis honoráti sunt amíci tui, Deus: nimis confortátus est principátus eórum.

SECRETAE

Apóstoli tui Pauli précibus, Dómine, plebis tuæ dona sanctífica: ut, quæ tibi tuo grata sunt institúto, gratióra fiant patrocínio supplicántis. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.

Ecclésiæ tuæ, quǽsumus, Dómine, preces et hóstias beáti Petri Apóstoli comméndet orátio: ut, quod pro illíus glória celebrámus, nobis prosit ad véniam. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.

PRAEFATIO DE APOSTOLIS

Vere dignum et justum est, æquum et salutáre: Te, Dómine, supplíciter exoráre, ut gregem tuum, Pastor ætérne, non déseras: sed per beátos Apóstolos tuos contínua protectióne custódias. Ut iísdem rectóribus gubernétur, quos óperis tui vicários eídem contulísti præésse pastóres. Et ídeo cum Angelis et Archángelis, cum Thronis et Dominatiónibus cumque omni milítia coeléstis exércitus hymnum glóriæ tuæ cánimus, sine fine dicéntes: (Sanctus).

COMMUNIO

Amen, dico vobis: quod vos, qui reliquístis ómnia et secúti estis me, céntuplum accipiétis, et vitam ætérnam possidébitis.

POSTCOMMUNIO

Orémus. Sanctificáti, Dómine, salutári mystério: quǽsumus; ut nobis ejus non desit orátio, cujus nos donásti patrocínio gubernári. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.

Orémus. Lætíficet nos, Dómine, munus oblátum: ut, sicut in Apóstolo tuo Petro te mirábilem prædicámus; sic per illum tuæ sumámus indulgéntiæ largitátem. Per Dóminum nostrum Jesum Christum, Fílium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. Amen.


Traduzione italiana

INTROITO

So bene in Chi ho posto la mia fiducia, e son certo che Egli è cosi potente da conservare il mio deposito 2 fino alla sua venuta quale giusto giudice. --- Signore, tu mi scruti e mi conosci, tu conosci quando siedo e quando sorgo. --- Gloria --- So bene in Chi ho posto la mia fiducia, e son certo che Egli è cosi potente da conservare il mio deposito 2 fino alla sua venuta quale giusto giudice.

COLLETTE

Preghiamo. O Dio, che con la predicazione di san Paolo Apostolo hai ammaestrato tutto il mondo; fa', Te ne supplichiamo, che celebrandone oggi la conversione, più spediti lo seguiamo verso di te. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Preghiamo. O Dio, che al tuo santo Apostolo Pietro, consegnando le chiavi del regno dei cieli hai dato il potere pontificale di sciogliere e di legare: concedi a noi, con l'aiuto della sua intercessione, di essere liberati dalle catene dei nostri peccati: Tu che sei Dio, e vivi e regni con Dio Padre in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

EPISTOLA

Dagli Atti degli Apostoli.

Act 9:1-22

In quei giorni: Saulo, ancora spirante minacce e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco, affin di menare legati a Gerusalemme quanti avesse trovato di quella fede, uomini e donne. E durante il viaggio avvenne che, avvicinandosi a Damasco, d'improvviso una luce del cielo gli sfolgorò d'intorno. E caduto per terra sentì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». Ed egli chiese: «Chi sei, Signore?». E l'altro: «Io sono Gesù che tu perseguiti; dura cosa è per te recalcitrare contro il pungolo». E tremante e stupefatto, Saulo disse: «Signore, che vuoi che io faccia?». E il Signore: «Alzati ed entra in città, li ti sarà detto quello che devi fare». Ora i suoi compagni di viaggio se ne stavano attoniti, udendo la voce, ma non vedendo nessuno. Saulo poi si alzò da terra, ma aperti gli occhi, non vedeva niente. Allora, menandolo per mano, lo condussero in Damasco, ove rimase tre giorni senza vista, senza prendere cibo né bevanda. V'era in Damasco un certo discepolo chiamato Anania, al quale il Signore disse in visione: «Anania». Ed egli rispose: «Eccomi, Signore». Ed il Signore a lui: «Alzati e va' nella strada chiamata la Dritta, e cerca in casa di Giuda uno di Tarso che si chiama Saulo: ecco egli sta pregando». E Saulo vide in visione un uomo di nome Anania andare ad imporgli le mani perché ricuperi la vista. Anania rispose: «Signore, ho da molti sentito dire, riguardo a quest'uomo, quanti mali abbia fatto ai tuoi santi in Gerusalemme. E questi ha dai principi dei sacerdoti il potere di arrestare qui tutti quelli che invocano il tuo nome». Ma il Signore gli disse: «Va', perché egli è uno strumento da me eletto a portare il mio nome davanti ai Gentili, ai re ed ai figli d'Israele. Ed io gli mostrerò quanto dovrà patire per il mio nome». E andò Anania, ed entrò in quella casa e, impostegli le mani, disse: «Fratello Saulo, il Signore Gesù, quello che ti apparve nella strada per cui venivi, mi ha mandato a te, affinché tu ricuperi la vista e sii ripieno di Spirito Santo». E in quell'istante caddero dagli occhi di lui come delle scaglie e ricuperò la vista, e alzatosi, si fece battezzare; quindi, preso del cibo, riacquistò le forze. E stette alcuni giorni con i discepoli che erano a Damasco. E subito si mise a predicare nelle sinagoghe che Gesù è il Figlio di Dio. E tutti quelli che udivano, dicevano stupefatti: «Non è costui che in Gerusalemme disperdeva quanti invocavano questo nome e non è venuto per condurli legati ai principi dei sacerdoti?». Ma Saulo diveniva sempre più forte e confondeva i Giudei che abitavano in Damasco, dimostrando che Gesù è il Cristo.

GRADUALE

Colui che di Pietro fece l'apostolo degli Ebrei ha fatto di me l'apostolo dei pagani; e riconobbero la grazia di Dio a me concessa. La grazia di Dio in me non rimase vana; anzi, la sua grazia rimane sempre in me.

ALLELUIA

Alleluia, alleluia. Veramente degno di gloria è il grande san Paolo, strumento di elezione; egli che meritò di possedere il dodicesimo trono. Alleluia.

VANGELO

Lettura del Santo Vangelo secondo San Matteo.

Matt 19:27-29

In quel tempo Pietro disse a Gesù: «Ecco noi abbiamo lasciato ogni cosa e ti abbiamo seguito; che cosa adunque avremo noi?». E Gesù disse loro: «In verità vi dico: Voi che mi avete seguito, nella rigenerazione, quando il Figlio dell'uomo sederà sul trono della sua gloria, sederete anche voi sopra dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele. E chiunque avrà lasciato casa, fratelli o sorelle, o padre o madre, o moglie o figli, o campi per amore del nome mio, riceverà il centuplo e possederà la vita eterna».

OFFERTORIO

Preghiamo. I tuoi amici, o Dio sono sommamente onorati; veramente forte è diventato il loro principato.

SECRETE

Santifica, Signore, i doni del tuo popolo per le preghiere del tuo Apostolo Paolo: e poiché ti sono già graditi come tua istituzione, lo siano ancor più per la sua intercessione. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

O Signore, la preghiera del santo Apostolo Pietro raccomandi a te le suppliche e le offerte della tua Chiesa: e ciò che celebriamo a sua gloria giovi a ottenerci il perdono. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

PREFAZIO DEGLI APOSTOLI

È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza innalzare a te, Signore, la nostra preghiera. Ti supplichiamo, Pastore eterno: non abbandonare il tuo gregge, ma per mezzo dei tuoi Santi Apostoli custodiscilo e proteggilo sempre. Continui ad essere governato da quelli che tu stesso hai eletto vicari dell'opera tua, e hai costituito pastori. E noi, uniti agli Angeli e agli Arcangeli ai Troni e alle Dominazioni e alla moltitudine dei Cori celesti, cantiamo con voce incessante l'inno della tua gloria: (Sanctus).

COMUNIONE

In verità vi dico che voi, che avete abbandonato ogni cosa e mi avete seguito, riceverete il centuplo e possederete la vita eterna.

POST-COMUNIONE

Preghiamo. Santificati dal mistero di salvezza, ti supplichiamo, o Signore: non ci manchi mai l'intercessione di colui che ci hai dato come guida e protettore. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Preghiamo. Ci sia fonte di grazia il sacrificio che ti abbiamo offerto, o Signore; e noi che proclamiamo le meraviglie da te operate nel tuo Apostolo Pietro, possiamo ricevere, per suo merito, l'abbondanza del tuo perdono. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.


Dall'Anno Liturgico di Dom Guéranger

25 GENNAIO CONVERSIONE DI SAN PAOLO [1]

Abbiamo visto la Gentilità, rappresentata ai piedi dell'Emmanuele dai Re Magi, offrire i suoi mistici doni e ricevere in cambio i doni preziosi della fede, della speranza e della carità. La messe dei popoli è ormai matura; è tempo che il mietitore vi ponga la falce. Ma chi sarà questo operaio di Dio? Gli Apostoli di Cristo non hanno ancora lasciata la Giudea. Tutti hanno la missione di annunciare la salvezza fino agli estremi confini del mondo, ma nessuno fra loro ha ancora ricevuto il carattere speciale di Apostolo dei Gentili. Pietro, l'Apostolo della Circoncisione, è destinato particolarmente, al pari di Cristo, alle pecore smarrite della casa d'Israele (Mt 15,24). Tuttavia siccome è il capo e il fondamento, spetta a lui aprire la porta della Chiesa ai Gentili, e lo fa solennemente, conferendo il Battesimo al centurione romano Cornelio.

Intanto la Chiesa si prepara: il sangue del Martire Stefano e la sua ultima preghiera otterranno un nuovo Apostolo: l'Apostolo delle Genti. Saulo, cittadino di Tarso, non ha visto Cristo nella sua vita mortale e soltanto Cristo può fare un Apostolo. Dall'alto dei cieli dove regna impassibile e glorificato, Gesù chiamerà Saulo alla sua scuola, come chiamò negli anni della sua predicazione a seguire i suoi passi e ad ascoltare la sua dottrina i pescatori del lago di Genezareth. Il Figlio di Dio rapirà Paolo fino al terzo cielo, e gli rivelerà tutti i suoi misteri; e quando Saulo avrà avuto modo, come egli narra, di vedere Pietro (Gal 1,18) e di paragonare con il suo il proprio Vangelo, potrà dire: "Io non sono meno apostolo degli altri Apostoli".

È appunto nel giorno della Conversione di Saulo che ha ini­zio questa grande opera. È oggi che risuona quella voce che spezza i cedri del Libano (Sal 28,5), e la cui immensa forza fa del Giudeo persecutore innanzitutto un cristiano, nell'attesa di farne un Apostolo. Questa meravigliosa trasformazione era stata vaticinata da Giacobbe allorché sul letto di morte svelava l'avvenire di ciascuno dei suoi figli, nelle tribù che dovevano uscire da essi. Giuda ebbe i più alti onori: dalla sua stirpe regale doveva nascere il Redentore, l'atteso delle genti. Beniamino fu annunciato a sua volta sotto caratteristiche più umili, ma pure gloriose: sarà l'avo di Paolo, e Paolo l'Apostolo delle genti.

Il santo vegliardo aveva detto: "Beniamino è un lupo rapace: al mattino si prende la preda; ma alla sera distribuisce il bottino" (Gen 49,27). Colui che nell'ardore della sua adolescenza si scaglia come un lupo spirante minaccia e strage all'inseguimento delle pecore di Cristo, non è forse - come dice sant'Agostino (Disc. 278) - Saulo sulla via di Damasco, portatore ed esecutore degli ordini dei pontefici del Tempio e tutto ricoperto del sangue di Stefano che egli ha lapidato con le mani di coloro ai quali custodiva le vesti? Colui che, alla sera, non rapisce più le spoglie del giusto, ma con mano caritatevole e pacifica distribuisce agli affamati il cibo vivificante, non è forse Paolo, Apostolo di Gesù Cristo, bruciante d'amore per i suoi fratelli, e che si fa tutto a tutti, fino a desiderare di essere anatema per essi?

Questa è la forza vittoriosa dell'Emmanuele, forza sempre crescente e alla quale nulla può resistere. Se egli vuole come primo omaggio la visita dei pastori, li fa chiamare dai suoi angeli le cui dolci note sono bastate per condurre quei cuori semplici alla mangiatoia dove giace sotto poveri panni la speranza d'Israele. Se desidera l'omaggio dei principi della Gentilità, fa spuntare in cielo una stella simbolica, la cui apparizione, aiutata dall'intimo moto dello Spirito Santo, fa decidere quegli uomini a venire dal lontano Oriente a deporre ai piedi d'un bambino i loro doni e i loro cuori. Quando è giunto il momento di formare il Collegio Apostolico, cammina sulle rive del mar di Tiberiade, e basta la sola parola: Seguitemi, per legare a lui gli uomini che ha scelti. In mezzo alle umiliazioni della sua Passione, un suo sguardo cambia il cuore del discepolo infedele. Oggi, dall'alto dei Cieli, compiuti tutti i misteri, volendo mostrare che egli solo è maestro dell'Apostolato e che la sua alleanza con i Gentili è consumata, si manifesta a quel Fariseo che vorrebbe distruggere la Chiesa; spezza quel cuore di Giudeo e crea con la sua grazia un nuovo cuore d'Apostolo, un vaso di elezione, quel Paolo che dirà d'ora in poi: "Vivo, ma non son già io, bensì Cristo che vive in me" (Gal 11,20).

Ma era giusto che la commemorazione di quel grande evento venisse a porsi non lontano dal giorno in cui la Chiesa celebra il trionfò del Protomartire. Paolo è la conquista di Stefano. Se l'anniversario del suo martirio s'incontra in un altro periodo dell'anno (29 giugno), non poteva fare a meno di apparire accanto alla culla dell'Emmanuele, come il più splendido trofeo del Protomartire; i Magi esigevano anche il conquistatore della Gentilità di cui formavano le primizie.

Infine, per completare la corte del nostro grande Re, era giusto che si elevassero ai lati della mangiatoia le due potenti colonne della Chiesa, l'Apostolo dei Giudei e l'Apostolo dei Gentili: Pietro con le chiavi e Paolo con la spada. Betlemme ci sembra allora ancor più l'immagine della Chiesa, e le ricchezze della liturgia in questa stagione ci appaiono più belle che mai.

Noi ti rendiamo grazie, o Gesù, perché hai oggi abbattuto il tuo nemico con la tua potenza, e l'hai risollevato con la tua misericordia. Tu sei veramente il Dio forte, e meriti che ogni creatura celebri le tue vittorie. Come son meravigliosi i tuoi piani per la salvezza del mondo! Tu associ gli uomini all'opera della predicazione della tua parola e alla dispensa dei tuoi misteri; e per rendere Paolo degno di tale onore, usi tutte le risorse della grazia. Ti compiaci di fare dell'assassino di Stefano un Apostolo, perché il tuo potere si mostri a t'urti gli occhi, il tuo amore per le anime appaia nella sua più gratuita generosità, e sovrabbondi la grazia dove abbondò il peccato. Visitaci spesso, o Emmanuele, con questa grazia che cambia i cuori, perché noi desideriamo la vita in larga misura, ma sentiamo che il suo principio è così spesso sul punto di sfuggirci. Convertici come hai convertito l'Apostolo e assistici quindi, poiché senza di te noi non possiamo far nulla. Previenici, seguici, accompagnaci, non lasciarci mai, e come ci hai dato il principio, così assicuraci la perseveranza sino alla fine. Concedici di riconoscere, con timore ed amore, quel dono della grazia che nessuna creatura potrebbe meritare, e al quale tuttavia una volontà creata può fare ostacolo. Noi siamo prigionieri: solo tu possiedi lo strumento con l'aiuto del quale possiamo infrangere le nostre catene. Tu lo poni nelle nostre mani, dicendoci di usarlo: sicché la nostra liberazione è opera tua e non nostra, e la nostra prigionia, se continua, si deve attribuire soltanto alla nostra negligenza e alla nostra viltà. Dacci, o Signore, questa grazia; e degnati di ricevere la promessa di associarvi umilmente la nostra cooperazione.

Aiutaci, o san Paolo, a corrispondere ai disegni della misericordia di Dio su di noi; fa' che siamo soggiogati dalla dolcezza di Gesù. Non udiamo la sua voce, la sua luce non colpisce i nostri occhi, ma leva il suo lamento perché troppo spesso lo perseguitiamo. Ispira ai nostri cuori la tua preghiera: "Signore, che vuoi che io faccia?". Ci risponderà di essere semplici e bambini come lui, di riconoscere il suo amore, di finirla con il peccato, di combattere le cattive inclinazioni, di progredire nella santità seguendo i suoi esempi. Tu hai detto, o Apostolo: "Chi non ama nostro Signore Gesù Cristo sia anatema!". Faccelo conoscere sempre più, perché lo amiamo, e questi dolci misteri non diventino, per la nostra ingratitudine, la causa della nostra riprovazione.

Vaso di elezione, converti i peccatori che non pensano a Dio. Sulla terra tu ti sei prodigato interamente per la salvezza delle anime; nel cielo dove ora regni, continua il tuo ministero, e chiedi al Signore, per coloro che perseguitano Gesù nelle sue membra quelle grazie che vincono i più ribelli. Apostolo dei Gentili, volgi gli occhi su tanti popoli che giacciono ancora nell'ombra della morte. Un giorno tu eri combattuto fra due ardenti desideri: quello di essere con Gesù Cristo, e quello di restare sulla terra per lavorare alla salvezza dei popoli. Ora, tu sei per sempre con il Salvatore che hai predicato: non dimenticare quelli che ancora non lo conoscono. Suscita uomini apostolici per continuare la tua opera. Rendi fecondi i loro sudori e il loro sangue. Veglia sulla Sede di Pietro, tuo fratello e tuo capo; sostieni l'autorità della Chiesa di Roma che ha ereditato i tuoi poteri, e che ti considera come la sua seconda colonna. Rivendicala dovunque è misconosciuta; distruggi gli scismi e le eresie; riempi tutti i pastori del tuo spirito, affinché sul tuo esempio non cerchino se stessi, ma unicamente e sempre gli interessi di Gesù Cristo.


[1] Il martirologio geronimiano menziona, alla data del 25 gennaio, una Translatio S. Pauli Apostoli. "A poco a poco, tuttavia l'orientazione storica si spostò, e al concetto di una traslazione materiale delle Reliquie di san Paolo, sostituendosi quello d'una traslazione o mutamento psicologico e spirituale avvenuto nelo stesso Apostolo sulla via di Damasco, dalla translatio fisica, si passò così alla mistica Conversio del medesimo" (Liber Sacram. vol. VI, p. 185). Sembra che la festa abbia avuto origine nelle chiese della Gallia e sia passata poi progressivamente, a partire dall'VIII secolo, nei libri romani. I testi dell'Ufficio e della Messa sorpassano l'oggetto storico e preciso della festa. Si tratta non solo della Conversione di san Paolo, ma anche di tutte le sue conseguenze, lo zelo e le tribolazioni dell'Apostolo.